2002–2008 Massimo Gennari

Massimo Gennari diventa presidente dell’Ente nel giugno 2002 succedendo al Prof. Francesco Mazzoni che aveva lasciato l’incarico per raggiunti limiti d’età. La presidenza di Gennari si caratterizza per le azioni e le iniziative assunte nei seguenti ambiti: l’assetto istituzionale dell’Ente con il rinnovo del Consiglio e le modifiche statutarie necessarie per la sua funzionalità, il trasferimento definitivo della Sede a Certaldo Alta nella Casa del Boccaccio, la costituzione di un Comitato di Consulenza scientifica di alto profilo, la nomina del Prof. Mazzoni Coordinatore del Comitato di consulenza scientifica; l’attività culturale con la promozione di manifestazioni di rilevanza nazionale e internazionale tra le quali la mostra e il convegno su “Boccaccio Geografo il Tractatus Geographicus e la rappresentazione del mondo nel XIV secolo”, il convegno internazionale “Giardini celesti, Giardini terrestri”, la lettura del Ninfale Fiesolano con Giorgio Albertazzi e l’Ensemble de L’Homme Armé, la rappresentazione della novella di Alatiel (II,7), messa in scena nella Villa di Maiano di Firenze dal Laboratorio teatrale l’Oranona, la lettura scenica su testo originale di “Odysseus e Nausikaa”, del Lecture theatre dell’Emmanuel College di Cambridge, tratto dall’Odissea di Omero (VI-VIII) e tenutasi nel Palazzo Pretorio di Certaldo Alta nel giugno 2006 a cura di Patrick Boyde, il convegno internazionale “Vittore Branca e Boccaccio” a chiusura delle manifestazioni per il cinquantenario dell’istituzione dell’Ente; e con lo sviluppo di alcune iniziative come la rassegna annuale “Boccaccio e le Arti” in collaborazione con il Comune di Certaldo, la ripresa delle letture mensili del Decameron in collaborazione con il Laboratorio Teatrale de L’Oranona, il cofinanziamento di borse di ricerca al fine di collaborare con alcune Isitituzioni universitarie nella promozione degli studi e delle ricerche sull’opera di Boccaccio.

In particolare, la presidenza Gennari si caratterizza per la riqualificazione architettonica e funzionale della Casa del Boccaccio. Dopo due anni di lavori si sono realizzati alcuni obiettivi di particolare importanza come il riordino del sistema degli accessi e dell’assetto espositivo, l’adeguamento degli spazi museali ai requisiti di accessibilità, sicurezza e comfort ambientale, la rilocalizzazione degli spazi di consultazione e studio destinati agli specialisti e ai ricercatori, la ricostruzione della scala della torre e il ripristino di un affaccio panoramico di particolare valore paesaggistico e culturale, il restauro e la restituzione all’uso pubblico della loggia del piano terra; intervento che si concluderà con il recupero architettonico dell’adiacente giardino del Poeta.

Tra i suoi scritti si ricordano:

In viaggio con Boccaccio. I luoghi di Firenze e della Toscana nell'opera del grande narratore di M. Gennari e S. Lazzerini, Certaldo, Federighi editore, 2013.

Progettare nella città storica. Variantismi di M. Gennari, F. Propocio e L. Tura, Octavo, 1997.