La stanza del Poeta

Gli oggetti e i mobili del Seicento qui conservati, raccolti dalla Marchesa Carlotta Lenzoni dei Medici, sono solo in parte recuperati dopo la distruzione del bombardamento del 1944. Tra questi rimangono un bracciolo di una cassapanca del Seicento e l’affresco del Benvenuti che non ha subito danni. Quest’ultimo, raffigurante il Boccaccio al suo tavolo da lavoro, fu commissionato al pittore dalla marchesa nel 1826, anno in cui fece ristrutturare e arredare anche la Casa. In questa stanza, inoltre, si possono ammirare le medaglie che lo scultore Bino Bini regalò all’Ente in occasione delle celebrazioni del VI Centenario della morte del Boccaccio (1975); testi antichi di critica boccacciana e opere dello scrittore in lingua straniera.